Storia della passione per il vino di una giovane Sommelier

La passione per il vino ha sempre occupato un posto in prima fila nella mia vita. Il tutto è iniziato da bambina quando mi avventuravo nella vinicola dei miei zii, per scoprire i segreti della cantina, tra barrique, bottiglie invecchiate anni e altissimi scaffali contenenti centinaia e centinaia di bottiglie di nettare prezioso. Mi lasciavo trasportare tra i profumi e gli odori inconfondibili di uva, legno e mosto, immaginando la storia di ogni singola goccia di vino che prima era stata chicco d'uva in chissà quale luogo magico. 

Crescendo le cose non sono cambiate, ho continuato a coltivare questa passione tanto da scegliere la strada del vino ancora una volta diventando Sommelier. Nella vita di tutti i giorni infatti il vino fa parte di me, della mia storia, delle mie tradizioni e di ciò che sono, lavoro costantemente per assaggiare e degustare nuovi sapori e per scovare sempre qualcosa di nuovo ed autentico.

Ed è proprio grazie a questa mia passione innata per tutto ciò che è nuovo e bello che ho deciso di intraprendere questa strada tramandata ormai da generazioni in famiglia e che mi ha dato modo di scoprire sapori autentici e nuovi, sconosciuti e inebrianti. Dal quel Sauvignon proveniente da Bordeaux che mi ha fatto battere il cuore in Francia, al vino bianco pugliese assaggiato nel Salento la scorsa estate; e poi ancora lo Zinfandel californiano, il Gewürztraminer che i primi tempi non riuscivo a pronunciare, ma che ho amato fin da subito. 

Grazie al mondo del vino sono entrata in contatto con diverse realtà nazionali ed internazionali. Conoscendo culture e persone sempre nuove, metodi di vinificazione antichi oppure altamente tecnologici. Ogni volta scoprire qualcosa di nuovo era come tornare indietro nel tempo, quando ho assaggiato il primo bicchiere di vino fatto dalla mia famiglia: un'esperienza esaltante e magnifica.

Il vino, per noi intenditori, ma anche per gli appassionati, non è una semplice bevanda, bensì un nettare prezioso e come tale va scelto con cura. Dietro una bottiglia di vino vi sono uomini e donne che ogni giorno donano un pizzico della loro sapienza per creare un prodotto finito d'eccellenza. Perciò quando vi trovate in enoteca o anche al supermercato per scegliere il vino da consumare per il vostro pasto o da regalare ad un amico cercate sempre di essere curiosi e scoprire la storia che racchiude quella bottiglia, andate oltre l'etichetta, soltanto così avrete la certezza di aver scelto un vino eccellente e di degustare a pieno tutto quello che c'è dietro una "semplice" bottiglia.

"I veri intenditori non bevono vino: degustano segreti"


Segui le mie giornate in diretta su INSTAGRAM | TWITTER | FACEBOOK


@laborsadimartina
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...